E' tutto oro ciò che brilla?


Nel valutare una società dal punto di vista fondamentale, è molto importante non lasciarsi abbagliare da un'analisi superficiale del solo risultato di esercizio.


Infatti, mentre l'utile di esercizio indica la capacità della società di creare ricchezza dal punto di vista strettamente economico, non è detto che tale capacità della società si concretizzi in un'altrettanta capacità di creare ricchezza monetaria, cioè cassa, finanza liquida.


Perché può essere presente questa differenza tra l'utile di esercizio e la capacità di creare ricchezza "vera" da parte della società?


A titolo puramente esemplificativo si pensi ad una società che ha una grande capacità di vendita dei propri prodotti o servizi, ma che non sia altrettanto efficace nel recuperare i crediti derivanti dalla cessione dei propri prodotti o servizi.


Oppure si pensi ad una società che effettui degli investimenti finanziariamente significativi, che da un punto di vista economico impattano poco sul risultato di esercizio (gli investimenti che hanno natura pluriennale vanno ammortizzati e quindi solo una parte del loro costo grava sul singolo esercizio), ma che da un punto di vista monetario (di cassa) possono mettere seriamente in difficoltà la società, determinando una tensione finanziaria a breve, tale da poterne compromettere la continuità.


Pertanto, accanto ad un'analisi economica e sempre bene affiancare anche un'analisi finanziaria e patrimoniale della società, che dia la possibilità di poter ipotizzare una valutazione aziendale maggiormente consapevole ed affidabile.



Andrea Mengozzi

80 visualizzazioni

@ Train4Trade - FIVE HEADS SOLUTION LTD  16B Gisburn Road N8 7BS London

info@train4trade.com

PRIVACY

DISCLAIMER

Icon made by Freepik,Smashicons,itim2101 from www.flaticon.com 

Photo by Rohan Makhecha on Unsplash

  • Facebook - Black Circle